Dieta anticellulite: combattere la cellulite con il cibo

La cellulite è un’alterazione a carico del tessuto sottocutaneo, dove si rileva una elevata concentrazione di cellule adipose, e colpisce la quasi totalità delle donne, sebbene si presenti in gradi e diffusioni differenti.

Essendo un problema molto comune, è utile conoscere una dieta anticellulite efficace, che possa aiutare a contrastare la cellulite e ad eliminare il noto inestetismo della pelle a buccia d’arancia.

Cause cellulite e sviluppo

dieta anticellulite

L’insorgenza della cellulite è multifattoriale, sono cioè molteplici le cause che concorrono alla comparsa della pelle a buccia d’arancia.

Un ruolo predominante è quello ormonale degli estrogeni, a cui si affiancano la ridotta attività fisica, l’idratazione non sufficiente e delle abitudini alimentari poco sane.

Se il fattore ormonale è quello più difficile da gestire, è possibile però intervenire sulle altre cause, aumentando le sessioni di attività fisica, bevendo di più durante la giornata ed iniziando una dieta anticellulite da seguire con determinazione e costanza.

La cellulite si sviluppa in tre stadi, andando dal primo stadio o stadio edematoso, con accumulo dei liquidi su glutei e cosce, zone classiche della cellulite, al terzo stadio o stadio sclerotico, con macronoduli palpabili e dolenti.

Fra le due evoluzioni estreme si trova il secondo stadio o stadio fibroso, durante il quale la cute inizia a mostrarsi a buccia d’arancia.

Impegnarsi per combattere le cause della cellulite significa evitare la comparsa della stessa, o comunque rallentare la sua evoluzione dallo stadio edematoso a quello terminale sclerotico.

Leggi anche: Barò Anticellulite: la forza dell’uva per combattere la cellulite

Dieta anticellulite: gli aspetti fondamentali

La

La dieta anticellulite spiegata in questo sito  seleziona gli alimenti ideali per combattere questo inestetismo, puntando in particolare sulla riduzione della ritenzione idrica, fenomeno alla base della pelle a buccia d’arancia.

Affinchè la dieta possa esprimere tutte le sue potenzialità, è fondamentale affiancarla ad uno stile di vita sano, impegnandosi anche nell’attività fisica.

L’attività sportiva aiuta infatti a bruciare il tessuto adiposo, diminuendo in questo modo il substrato che potrebbe andare incontro ad un cambiamento patologico.

Il primo aspetto della dieta anticellulite è di essere iposodica.

Bisogna ridurre il sale, dal momento che esso favorisce la ritenzione idrica, che bisogna invece contrastare per combattere la cellulite.

Oltre a ridurre il sale da cucina che si aggiunge manualmente alle pietanze, è necessario fare attenzione a quegli alimenti che contengono elevate quantità di sale, come carni in scatola e formaggi stagionati.

Un altro punto fondamentale è la riduzione degli zuccheri semplici assunti: un eccessivo introito di zuccheri semplici comporta un surplus di energia, con formazione di tessuto adiposo. Una quota in eccesso di tessuto adiposo favorisce lo sviluppo della cellulite o la sua evoluzione verso lo stadio terminale.

Alimenti per combattere la cellulite

dieta anticelluliteOttimi alimenti per combattere la cellulite sono frutta e verdura.

L’ananas, ad esempio, ha un favorevole effetto diuretico ed è ipocalorica, la mela riduce l’assorbimento dei grassi grazie alla pectina, gli agrumi sono ricchi di vitamina C e contribuiscono alla salute del circolo capillare, le ciliegie rallentano l’invecchiamento cellulare grazie alla loro quota di antiossidanti.

Fra le verdure, esempi di alimenti che rientrano nella dieta anticellulite sono il sedano, con poche calorie, ricco di acqua e con conseguente effetto diuretico, la melanzana, anch’essa come il sedano ricca di acqua, la lattuga, con la sua ottima quantità di colina, essenziale tra le altre cose per la funzionalità epatica, e il carciofo, che potenzia l’attività del fegato nella digestione dei grassi.

Fra gli alimenti per combattere la cellulite rientrano anche il tè verde e le erbe aromatiche, il primo per i suoi flavonoidi che riducono l’assorbimento dei grassi, le seconde per la capacità di contrastare la ritenzione idrica.

Dieta anticellulite e dimagrante

La dieta anticellulite è un ottimo regime alimentare non solo per combattere l’inestetismo della pelle, ma anche per il suo effetto positivo sul peso corporeo. Seguendo una dieta contro la cellulite efficace è possibile beneficiare anche di una azione dimagrante. Sono in molti a cercare una dieta anticellulite e dimagrante, con una perdita di peso visibile già dopo pochi giorni dall’inizio della dieta.

Questa perdita di peso rapida è garantita dalla prima fase della dieta, della durata di qualche giorno e che prevede l’ingestione solo di frutta e di almeno due litri di acqua al giorno. L’obiettivo della prima fase è detossificare l’organismo, favorendo la diuresi e la perdita di peso con l’escrezione dei liquidi.

Dieta anticellulite per perdere 5 kg

Il regime alimentare qui proposto è efficace anche per perdere una buona somma di chili in eccesso. E’ nota, ad esempio, la dieta anticellulite per perdere 5 kg in un periodo di tempo ristretto: sono sufficienti infatti circa quattro settimane per giungere all’obiettivo prefissato.

Gli obiettivi della dieta anticellulite per perdere 5 kg sono essenzialmente quattro:

  • Ridurre il proprio peso corporeo di cinque kg in quattro settimane.
  • Potenziare il benessere dei tessuti, tonificandoli.
  • Perdere peso senza doversi sottoporre ad interventi costosi e senza dover fare rinunce alimentari eccessive.
  • Combattere la cellulite e puntare ad eliminare questo inestetismo della cute.

Seguendo con cura l’alimentazione anticellulite è realmente possibile raggiungere tutti questi obiettivi, in poco tempo e senza sforzi eccessivi.

Dieta anticellulite esempio

Vediamo ora un esempio di dieta anticellulite. I pasti riportati di seguito fanno riferimento a tre giorni, per gli altri giorni si consiglia di seguire le indicazioni mostrate e di variare l’alimentazione, scegliendo sempre fra gli alimenti consentiti da questo regime dietetico.

Giorno 1

  • Colazione: uno yogurt magro ed un succo di frutta
  • Spuntino del mattino: una tazza di tè verde
  • Pranzo: 150 grammi di carne bianca, con un contorno (ad esempio spinaci) e dell’insalata verde, il tutto accompagnato da 50 grammi di pane di segale
  • Meranda: si può scegliere una gustosa macedonia di frutta
  • Cena: si può optare per una buona minestra di verdure, da accompagnare eventualmente a dell’insalata mista

Giorno 2

  • Colazione: 30 grammi di avena e una tazza di latte scremato
  • Spuntino del mattino: una barretta ai cereali
  • Pranzo: 150 grammi di carne bianca, con un contorno, dell’insalata e 50 grammi di pane di segale
  • Merenda: uno yogurt magro
  • Cena: si può optare per una minestra o una zuppa di verdure, da accompagnare con un frutto al termine del pasto

Giorno 3

  • Colazione: un caffè e tre fette biscottate
  • Spuntino del mattino: mezza pera e mezza mela frullate con 150 ml di latte scremato
  • Pranzo: 150 grammi di carne, 50 grammi di pane di segale ed un contorno a piacere
  • Merenda: una macedonia di frutta o uno yogurt magro
  • Cena: 200 grammi di pesce e 50 grammi di pane di segale, eventualmente un contorno a piacere