Co-efferalgan cos’è, posologia e controindicazioni

Per i sintomi influenzali e per l’infiammazione provate il Coefferalgan: un farmaco a base di codeina e paracetamolo.

Viene spesso utilizzato e meglio conosciuto con il nome di Efferalgan.

Grazie a suoi principi attivi è in grado di alleviare il dolore fungendo da analgesico. Scopriamo le caratteristiche di questo prodotto.

Coefferalgan cos’è

Co-efferalganCoefferalgan è un medicinale a base di codeina e paracetamolo. La codeina appartiene agli analgesici oppioidi, che sono dei farmaci necessari per alleviare gli stati di dolore molto forte.

Nel caso del Coefferalgan, la codeina è abbinata al paracetamolo che ha degli effetti analgesici ancora più importanti e utili in caso di sintomi influenzali o infiammazione.

Coefferalgan è un farmaco antipiretico ed analgesico che viene utilizzato nei pazienti che hanno più di 12 anni.

Viene scelto solitamente per il trattamento a breve termine del dolore che non è possibile combattere con altri tipi di antidolorifici che agiscono da soli, ad esempio il paracetamolo oppure l’ibuprofene.

Coefferalgan posologia

Il Coefferalgan va somministrato in maniera differente a seconda dell’entità del dolore e dell’età del paziente. Solitamente è bene prendere una o due compresse al giorno a seconda dell’età del dolore all’intervallo di almeno 4 ore.

Negli anziani la dose iniziale deve essere dimezzata rispetto a quella invece degli adulti. Come già accennato, non bisogna somministrare il Coefferalgan a pazienti con età inferiore ai 12 anni. Questo farmaco inoltre non può essere assunto per più di 2 giorni.

Se il dolore persiste è bene contattare il medico o cercare un’altra tipologia di cura. In caso di sovradosaggio è bene contattare subito il più vicino ambulatorio medico.

Coefferalgan controindicazioni

Il Coefferalgan viene utilizzato dai 12 anni in su. Infatti nei bambini al di sotto di questa età ci potrebbero essere delle reazioni al paracetamolo, come l’ipersensibilità che potrebbe causare insufficienza respiratoria.

Non dovrebbero utilizzare questo farmaco neanche coloro che hanno avuto da poco tempo la rimozione delle tonsille, oppure le donne che allattano al seno.

A causa anche della presenza del sorbitolo al suo interno, il Coefferalgan non può essere utilizzato da coloro che sono intolleranti al fruttosio.

Altri problemi che riguardano il Coefferalgan sono le sue interazioni. Il medico infatti dovrà chiarirvi se eventualmente state prendendo altri farmaci, se è possibile assumere anche questo. Se infatti state assumendo degli anticoagulanti orali è bene ridurre le dosi di Coefferalgan.

Stesso discorso anche per coloro che assumono farmaci antiepilettici oppure alcaloidi. In generale è sempre sconsigliato assumere Coefferalgan se si sta assumendo della morfina e se si è ipersensibili ai principi attivi.

Anche l’alcol ed un farmaco come il Naltrexone devono essere evitati se si vuole assumere il Coefferalgan.

Il farmaco Coefferalgan può anche comportare dei rischi e degli effetti indesiderati. In alcuni casi il paracetamolo può dare luogo a delle reazioni cutanee di vario genere e di varia gravità. In casi più estremi, addirittura ci potrebbe essere uno shock anafilattico o un edema alla laringe.

Ci sono anche altri effetti indesiderati come la leucopenia, agranulocitosi, anemia, epatopatia, alterazioni renali e insufficienza renale, in caso di iperdosaggio problemi anche al fegato.

Ci sono poi delle controindicazioni meno gravi, come la presenza di nausea, vomito, stipsi, ritenzione urinaria, ipersensibilità e quindi orticaria, sonnolenza e dolore addominale acuto.

Lascia un commento